I profumi e i sapori che si sprigionano da un calice di vino raccontano le storie dei luoghi e delle persone che li hanno plasmati. E quale modo migliore, per scoprirli, se non una visita alla cantina del Monferrato nella quale il vino prende forma?

acquista il libro monferrato insolito

Se poi l’azienda vinicola in questione ha più di 100 anni alle spalle e un percorso di visita ricco di cimeli che svelano aneddoti, curiosità e storie del passato, la degustazione diventa un vero e proprio viaggio!

Oggi vi raccontiamo la nostra visita alla cantina Bava, a Cocconato!

visita alla cantina storica Bava a Cocconato Piemonte Monferrato

Una visita alla storica cantina Bava, in Piemonte

La nascita della cantina Bava a Cocconato, così come la conosciamo oggi, risale al 1911, ma è già dal 1600 che la famiglia si prende cura di queste colline coltivandole a vigneto.

Dal 1911 a oggi sono sei le generazioni che si sono avvicendate per tenere viva la tradizione e la passione di famiglia ed è grazie a loro che la cantina Bava ha ormai superato il traguardo delle cento vendemmie!

Merito dell’approccio artigianale e rispettoso della terra, trasmesso dai padri ai figli: accanto ai vigneti, nelle proprietà della famiglia, crescono noccioleti, prati e boschi spontanei, per un ridotto impatto ambientale, mentre tra i filari l’inerbimento controllato aiuta a contenere l’erosione del terreno.

visitare cantina monferrato bava coconato

Da questo metodo lavorativo nascono grandi vini, come le diverse tipologie di Barbera, e i vini aromatici come il Ruché, la malvasia e il moscato d’Asti.

La visita alla cantina si articola lungo un percorso che, dalla parte più moderna, guida in una sorta di viaggio indietro nel tempo, fino alle origini della produzione vinicola di Bava.

La parte moderna

La visita guidata inizia dall’area più moderna della struttura, in cui le vasche di fermentazione d’acciaio, dove prendono corpo i vini più giovani, fanno da contorno a una sorta di galleria d’arte dove, a rotazione, è possibile osservare alcune raccolte di menù di degustazione storici che la famiglia Bava, negli anni, ha proposto in molti paesi di tutto il mondo, così come opere di vari artisti.

La cantina e le tracce del passato

La sala che segue è ancora più suggestiva: luci basse illuminano quella che può quasi essere definita una cantina museo. Qui alloggiano i numerosi tini di legno, dove riposano e prendono corpo i vini più importanti della produzione di Bava.

cantine da visitare in Piemonte Monferrato Bava

Uno di questi è Stradivario: una Barbera Superiore proveniente da un unico vigneto, la vigna del Bricco della Pieve di Cocconato (luogo in cui si svolgono gli amatissimi aperitivi in vigna), bottiglia simbolo della cantina.

Avanzando tra tini e barrique, il percorso prosegue verso la sala del centenario per fare un salto nel passato. Le antiche vasche di fermentazione in cemento ormai in disuso, ma perfettamente conservate e restaurate, insieme a un’affascinante collezione di vecchie bottiglie, antiche immagini ed etichette, fanno la loro parte nel raccontare la storia della cantina.

Una storia che si lega anche a quella dello sviluppo commerciale del territorio: fu l’arrivo della ferrovia, nel 1912, ad accorciare le distanze tra Cocconato e il territorio circostante, unendo persone e luoghi. A breve, questa ferrovia verrà riaperta (alcuni tratti lo sono già) per offrire esperienze turistiche su treni storici

cantina bava monferrato stradivario barbera superiore

E dopo la visita… Una ricca degustazione di vini del Piemonte nell’enoteca della cantina

Non solo gli occhi, anche le papille gustative pretendono la loro parte!

Per conoscere a fondo un vino, non basta vedere come viene prodotto: bisogna anche assaggiarlo!

Ecco, quindi, che il tour prosegue verso l’enoteca della cantina per una degustazione di vini del Piemonte. Qui, alcuni percorsi di degustazione personalizzati fanno da guida per conoscere ancora più a fondo la cantina e la sua storia e offrire ai propri visitatori la possibilità di scoprire, tra i tanti proposti, il proprio vino preferito e sperimentare dei gustosi abbinamenti con cibi tipici, formaggi e salumi rigorosamente locali, provenienti direttamente da Cocconato e dalle immediate vicinanze.

La selezione è vasta: si va dai classici vini rossi del Monferrato e delle Langhe (Bava, infatti, coltiva vigneti anche in territorio langarolo oltre che nella zona di Nizza Monferrato), ai bianchi del territorio, passando dagli aromatici, come la Malvasia di Castelnuovo don Bosco, senza tralasciare gli spumanti e i Vermouth Cocchi, l’altra anima di Bava.

I più esigenti ed esperti gioiranno nel trovare, qui, anche le bottiglie più particolari e le annate più rare!

Prenota la tua visita alla cantina Bava con degustazione

Cosa vedere nei dintorni della cantina

Prima o dopo la visita alla cantina con degustazione, consigliamo di arricchire l’esperienza con una tappa al borgo di Cocconato, ricco di edifici storici che testimoniano diverse epoche passate. La vista panoramica, dall’alto della collina che ospita il paese noto come “la riviera del Monferrato”, è incredibile: noi, quando abbiamo visitato Cocconato, ce ne siamo letteralmente innamorati!

cosa vedere a cocconato riviera del monferrato

Altrettanto affascinante è l’antico centro storico del borgo, con le sue stradine che si inerpicano fino all’imponente chiesa parrocchiale. Del resto, se Cocconato si è aggiudicato sia l’iscrizione nella lista dei Borghi più Belli d’Italia, sia la bandiera arancione Touring Club, un motivo ci sarà!

Quando visitare la cantina Bava

Ogni giorno può essere quello buono per visitare la cantina Bava: è sufficiente prenotare! Noi consigliamo di approfittare della presenza di eventi in programma, verificabili direttamente sul sito della cantina: durante l’estate, ad esempio, è possibile concedersi un suggestivo aperitivo in vigna, offerto direttamente tra i filari.

Prenota la tua visita

Daniele Farina

Cremonese doc, sono stato per undici anni disegnatore elettronico, poi la voglia di fare delle mie passioni un lavoro mi ha portato a gestire una formaggeria-salumeria. Tra camembert e culatelli, forme di grana e prosciutti, nel cuore ho sempre riservato un posto per la musica, la birra e la montagna. Da quando ho incontrato Martina, un po’ di quello spazio se l’è preso il Monferrato. | Visita sito

Correlati