Martedì Grasso si avvicina: nel 2023, la giornata culmine del Carnevale sarà il 21 febbraio, ma gli eventi intorno a questa tradizione, così ricca di folklore, interessano anche i giorni precedenti ed i successivi.

Vediamo quali sono le principali usanze del Carnevale piemontese, con un focus su quelle del nostro amato territorio, prima di elencare i principali eventi in programma nel Monferrato, per questo Carnevale 2023.

Se, invece, vuoi saltare subito alle date e i programmi dei festeggiamenti clicca qui!

Tradizioni carnevalesche in Piemonte e nel Monferrato

In ogni regione d’Italia, quando si parla di tradizioni, si fa riferimento a riti, leggende, usi e costumi, ma anche inevitabilmente a pietanze, che affondano le radici in una lunghissima storia e che contribuiscono ad arricchire l’identità territoriale. Il Carnevale, da questo punto di vista, è una vera istituzione!

feste di carnevale monferrato piemonte

Cosa si mangia a Carnevale in Piemonte?

Siamo in Italia: il Paese in cui ogni ricorrenza si festeggia con un piatto della tradizione! Il Carnevale piemontese non fa eccezione in tal senso.

I dolci sono i grandi protagonisti della cucina carnevalesca in questa regione, con bugie – conosciute in altre regioni d’Italia come chiacchiere – e friciò: le prime sono delle sfoglie dolci fritte, anche ripiene, i secondi sono delle deliziose frittelle con scorza di limone e uva passa.

Insomma, prima della Quaresima, non si bada a calorie!

bugie dolci di carnevale piemonte

Maschere e folklore del Carnevale Piemontese e Monferrino

Quando si parla di Carnevale in Piemonte, la mente va subito a Gianduja e alla sua compagna fidata Giacometta. Gianduja, infatti, è la maschera che la commedia dell’arte associa a Torino, anche se sono note le sue origini astigiane.

Bonario, allegro, amante del buon cibo e del buon vino, Gianduja è famoso anche per avere spesso la testa tra le nuvole, forse perché innamorato della sua Giacometta, simbolo del coraggio e della saggezza, tipici della donna piemontese.

Da quanto detto, si potrebbe pensare che la maschera di Gianduja abbia poco a che fare con il Monferrato e, invece, la sua storia è molto legata al nostro territorio.

Tra i boschi di Callianetto, una frazione di Castell’Alfero, infatti, si nasconde una casa chiamata Ciabot Gianduja, che, si narra, ospitò Giovanni Battista Sales e Gioacchino Bellone, i burattinai ideatori della maschera piemontese per eccellenza, quando erano in fuga da Napoleone in persona, che li aveva condannati a morte.

Ma al Monferrato non mancano di certo tradizioni e maschere proprie, legate al Carnevale e ogni paese ne ha di tipiche con le quali esprime vizi e virtù che contraddistinguono i tratti dei propri abitanti.

carri di carnevale casale monferrato


La Lachera di Rocca Grimalda è, probabilmente, la tradizione del Carnevale monferrino più famosa: si tratta di una rappresentazione teatrale, mista a danze e a riti propiziatori, che ha origini antichissime ma che, ancora oggi, viene praticata con grande affezione. Nata come ribellione nei confronti di un feudatario che esigeva lo jus primae noctis, oggi viene rappresentata sotto forma di sfilata che evoca un buffo corteo nuziale.

Un’altra tradizione molto diffusa nel Monferrato, specie a San Salvatore e a Castelletto, è la Businà, un poema satirico recitato contro i politici locali, sempre attualizzato.

Tra le maschere più amate del Monferrato sono Catlinin e Gipin, il Re e la Regina del Carnevale di Casale Monferrato: lui calmo e benevolo, lei arzilla e pettegola, vivono nella Torre Civica di Santo Stefano e hanno simbolicamente le chiavi della Città.

Altre due maschere care al Monferrato sono Uanen Carvè e la Socia, simbolo di Bistagno, dove, nel giorno di Martedì Grasso sfilano inscenando un vero teatro di strada, durante il quale i due personaggi si prendono gioco del pubblico.

Anche Acqui Terme vanta due maschere tipiche del Carnevale: Re e la Regina Sgaientò che vengono annualmente “scottati” in Piazza Bollente, dando inizio al Carnevale.

Eventi di Carnevale nel Monferrato nel 2023: date, feste, carri allegorici e sfilate, tra borghi e paesi

Il Carnevale si festeggia in tutto il Monferrato, ma va da sé che gli eventi più attesi siano quelli organizzati nei luoghi in cui le tradizioni carnevalesche sono più sentite e tramandate.

Il Carnevale di Casale Monferrato: tra tradizione e creatività

Il Carnevale a Casale Monferrato si festeggia il 18 febbraio con un programma coinvolgente per grandi e piccini. La sfilata, guidata da Catlinin e Gipin, partirà alle 16.00 dal Mercato Pavia e raggiungerà Piazza Mazzini in un clima giocoso e con un pizzico di competizione: alla fine del corteo verranno premiate le migliori maschere per ogni categoria e anche i carri cartone in stile “Galleggia non galleggia” degli Amici del Po.

Il 19 febbraio la festa, o meglio, la competizione, si sposta nella frazione di Santa Maria del Tempio, dove va in scena la Carnival Pulling, durante la quale si incontreranno i cittadini che accettano la scommessa di riuscire costruire il proprio carro di carnevale di cartone, bello, originale, ma anche resistente!

Carnevale a Rocca Grimalda: tutto intorno alla Lachera

Tra gli eventi più attesi del Carnevale nel Monferrato è, come prevedibile, quello di Rocca Grimalda, in programma per sabato 11 e domenica 12 febbraio.

Come ogni anno, la Lachera si diffonde per le vie del Paese, guidata dai personaggi principali, ovvero gli sposi, infastidita dal “Bebe”, vestito di rosso, e minacciata dall’Uomo Nero, che evoca la figura del feudatario.

Il grande Carnevale di Rocca Grimalda prende il via sabato alle 15.30, con la questua della Lachera in giro per le cascine e termina alle 20.00 con il gran rogo di Carnevale. Niente paura, però: tanti giochi e divertimenti a tema attendono grandi e piccini anche il giorno dopo, in un programma ricchissimo di folclore.

sfilate di carnevale monferrato piemonte

Carnevale a Cella Monte

A Cella Monte, il Carnevale 2023 si festeggia il 19 febbraio, dalle 15 alle 17.30, in regione Sardegna. Tra giochi e merende, la maschera più bella sarà premiata alla fine dell’evento.

Il Gran Carvà a San Salvatore Monferrato

Un Carnevale un po’ più lungo è quello organizzato a San Salvatore Monferrato: i festeggiamenti, infatti, iniziano il 20 febbraio alle 20.00, con una serata all’insegna di cibo e divertimento dedicata ai ragazzi delle scuole medie. Martedì 21, dalle 15.00 in poi, tutti a divertirsi con animazione, giochi, spettacoli e con un po’ di suspence per la premiazione della maschera più bella. Per la sfilata dei carri bisognerà attendere domenica 26, quando è prevista anche l’attesissima recita della Businà, uno spettacolo di magia e il grande falò di Carnevale.

Carnevale Acquese: il tradizionale Carvé di Sgaientò

Anche quest’anno il programma per il Carnevale di Acqui Terme non lesina in fatto di iniziative e divertimenti. Si comincia il 25 febbraio, alle ore 11.00, con i riti della tradizione: scottatura del Re e della Regina in Piazza Bollente e consegna delle chiavi della Città al Re Sgaientò. La giornata prosegue all’insegna di divertimenti, sfilate e intrattenimenti a tema carnevalesco.

Carnevale di Bistagno

Altro evento attesissimo, dopo la pausa forzata della Pandemia, è quello del Carnevale di Bistagno, ricco di tradizione e maschere tipiche. I festeggiamenti si aprono il 19 febbraio e non avranno fine fino a martedì 21.

Carnevale sotto il Castello di Ponzano Monferrato

Per le vie del bellissimo borgo di Ponzano Monferrato, il 25 febbraio, dalle 14.30, avrà luogo una caccia al tesoro organizzata dalla Pro Loco, che proporrà anche laboratori creativi e la tradizionale pesca di Carnevale.

Altri appuntamenti con il Carnevale tra la provincia di Asti ed Alessandria, nel regno del Monferrato

Per tutti i bambini e i grandi ancora innamorati di questa festa così sfrontatamente divertente, il Monferrato offre tantissimi altri piccoli eventi, tra carri, maschere e dolciumi.

A Pontestura, ad esempio, il 12 febbraio si comincia con la fagiolata da asporto per poi dare fuoco al Cavarum alle 15.45 in Piazza e concludere in bellezza con il ballo dei bambini mascherati.

Ecco altri eventi di Carnevale tra cui scegliere:

  • Carnevale di Castell’Alfero: si festeggia il 19 febbraio, dalle 14.30
  • Carnevale ad Altavilla: il 19 febbraio, dalle 15.00 si inizia con la rottura delle pentolacce e si prosegue con la sfilata delle maschere
  • Casorzo: il 19 febbraio, dalle 11.30, distribuzione di fagioli e cotechino e a seguire giochi e rottura delle pignatte
  • Ozzano Monferrato: domenica 19 dalle 14.30, presso il Circolo di Ozzano, tanti giochi e golosità per i più piccini
  • Asti: dal 4 al 26 febbraio, Luna Park di Carnevale in Borgo Torretta
  • Cassine: il 19 febbraio, dalle 14.00, si festeggia con il trenino di Carnevale in giro per il paese e con tanti giochi e leccornie
  • Nizza Monferrato: domenica 19, presso l’oratorio Don Bosco, dalle 14.30, giochi di Carnevale per tutte le età, Nutella Party e farinata.

Vacanze di Carnevale in Monferrato: perché no?

Scuole chiuse, prime belle giornate e tanti eventi per scoprire le tradizioni locali divertendosi: Carnevale è il momento ideale per una minivacanza in Monferrato. Scopri tutte le altre cose da fare e vedere, tra itinerari, cantine da visitare e scoperte inedite, nascoste tra queste bellissime colline.

Francesca Rolle

Vendo vini, assaggio vini e racconto vini….a volte anche ai miei figli come fiaba della Buonanotte!
Sono sommelier AIS da qualche anno ma amo il vino fin dal primo assaggio e non solo per il suo sapore ma per il gusto della scoperta che accende in me.
La cosa che mi appassiona di più è scoprire la storia, fatta di luoghi e di uomini, che ogni vino racconta. | Visita sito

Correlati